Creare strategia marketing visuale

Come creare la Strategia di Marketing Visuale

Uno scenario Volatile, Incerto, Complesso e Ambiguo ha imposto a tutti noi una trasformazione radicale, data dall’emergenza sanitaria del COVID-19.

Questi sono i giorni della prova per la Business Agility e per tutti i marketers, nessuno escluso.
Ho pensato molto a come poter dare il mio contributo e mi è venuto in aiuto un concetto semplice e molto potente:

Non puoi modificare ciò che non vedi

Così come il covid-19 non si vede a occhio nudo, ma ha una incubazione e poi si manifesta in vari modi, più o meno gravi. Il Marketing oggi non è in grado di vedere con precisione chirurgica che cosa succederà nemmeno da una settimana all’altra.

Cosa fare quindi, con la strategia di marketing pianificata prima dell’emergenza sanitaria?

Va necessariamente rivista e il mio consiglio è: lavorate insieme per realizzare una strategia Agile di marketing su base settimanale sviluppandola in modo “grafico”.

Come creare una strategia di Marketing Visuale

Il Marketing Visuale è essenziale ed è fondato sull’aspetto visivo della comunicazione proprio perché il linguaggio visivo va dritto al punto. Questo non significa che le parole siano meno importanti o non efficaci; necessitano di più tempo per trasmettere un concetto o ricreare un contesto.
L’immediatezza invece rappresenta l’obiettivo basilare del Visual Marketing: essa è data dal fatto che il messaggio veicolato arriva direttamente all’utente in tutta la sua totalità.

Possiamo riassumere gli obiettivi del Marketing Visuale in quattro punti fondamentali, essi devono essere in grado di:

  • suscitare attenzione
  • informare consapevolmente
  • proporre soluzioni
  • trasmettere sicurezza

Dopo aver terminato il corso di Mind Mapping (rigorosamente in aula virtuale) ho pensato a come mettere a disposizione di tutti uno strumento semplice ed efficace per rivedere la propria strategia di marketing in modo Agile.
Impostando i 4 quadranti della matrice di Eisenhower e impostando degli sprint di lavoro settimanali, ho pensato a come suddividere il processo di realizzazione di una strategia.
Solitamente è formato dai 7 step:

  • Focalizza l’attenzione sui bisogni del tuo cliente
  • Fai una analisi di mercato
  • Verifica e comprendi i punti di forza e di debolezza della concorrenza
  • Trova un modello di distribuzione del tuo prodotto
  • Crea una strategia di comunicazione con il giusto mix di attività e messaggi
  • Crea e verifica il piano finanziario
  • Valuta e rivedi costantemente le ipotesi iniziali

che vengono seguiti in mod sequenziale, dal primo all’ultimo.
In una situazione di emergenza fare questo è impensabile, per questo ho creato una mappa per la pianificazione dello sprint settimanale.

Come usare le mappe mentali per pianificare

Le mappe sono uno strumento potentissimo e in questo caso le ho utilizzate per definire il nuovo processo di creazione della strategia.

Ho cercato di rispondere alla domanda: su quali step del processo è utile concentrarsi in un momento critico per mantenere una relazione con i miei colleghi e con i mie clienti?

  • Ho messo subito al centro la settimana da gestire, che rappresenta lo sprint. Ho scorporato i 7 step di creazione della strategia di Marketing dando loro colori e importanza differente rispetto alla normale attività cui sono abituata.
  • Ho usato la matrice di Coven per riordinare mentalmente ciò che è urgente da ciò che non lo è dando un valore diverso al concetto di “importante” e ” non importante”.
Visual Agile Marketing Strategy

Cosa è successo lo puoi vedere nell’immagine qui sopra.
Contrariamente a quanto accade in condizioni di “normalità”, il processo di analisi dei competitor è diventato meno importante rispetto all’analisi finanziaria e alla definizione di nuovi canali di dialogo e di approccio alla formazione e della consulenza.

L’ho capito telefonando e contattando i clienti che già avevano con me un canale aperto.
L’ho capito quando il bisogno di “ri-partire” in modo Agile è diventato urgente anche per chi non era ancora mio cliente e mi ha contattato chiedendomi: “puoi comunque seguire il team da remoto?” La risposta è sì, e in 5 giorni ho allestito una piattaforma online non solo di video-conferenza. Condivido board, mappe, disegniamo insieme su una whiteboard.

Usa la matrice di Eisenhower per definire le priorità

Il metodo che sta alla base della matrice di Eisenhower permette la gestione delle priorità attraverso la valutazione delle attività secondo 4 criteri per massimizzare la produttività del Team e personale.

Ciò che è importante raramente è urgente e ciò che è urgente raramente è importante

Dwight D. Eisenhower

La matrice di Eisenhower serve a ordinare le priorità separando ciò che è urgente da ciò che è superfluo, classificando le attività giornaliere in base al loro grado di urgenza e/o importanza.

È opportuno precisare innanzitutto che “importante” è un concetto soggettivo: ciò che è importante per te può non esserlo per qualcun altro, ed inoltre ciò che è importante oggi può non esserlo in un altro momento della tua vita.
Le priorità sono legate ai nostri valori, principi ed obiettivi, e possono quindi essere diverse per ciascuno di noi.
Imparare a gestirle con la consapevolezza della nostra scala di valori è quindi fondamentale per una efficace gestione del tempo, soprattutto quando si lavora in team.

Il concetto di “urgente”, invece, è oggettivo, e dipende unicamente dalla variabile tempo. Va applicato quindi a quelle attività che richiedono attenzione immediata o comunque a brevissima scadenza.

Alla base della a Matrice di Eisenhower deve esserci prima di tutto la consapevolezza dei tuoi impegni. Individuali nel modo più accurato possibile tenendo conto delle scadenze e delle risorse a tua disposizione.

Potrai allora concentrarti sui primi due quadranti, cercando di limitare al massimo il passaggio delle varie attività da non urgenti (Q2) a urgenti (Q1).

C’è anche un piccolo trucco per tenere a mente questo schema utilizzando la parola TIME:

  • T – Q1: Tassativo
  • I – Q2: Importante e Indispensabile
  • M – Q3: Mobile o darne Mansione a qualcun altro
  • E – Q4: Eliminabile

Pianificando anticipatamente il tuo lavoro utilizzando la Matrice di Eisenhower ti consentirà di ridurre lo stress stress, focalizzarti su ciò che è davvero importante per e disporre di più tempo libero da dedicare all’analisi, allo studio e all’approfondimento di ciò che ti appassiona.

Ti interessa capire meglio come creare una strategia di Marketing Visuale? Clicca qui e vieni al corso Online!

Scroll to top