Agile è un cambiamento culturale che trasforma il tuo lavoro

Agile è un cambiamento culturale che trasforma il tuo lavoro

Costruire una cultura per supportare un approccio Agile al business è l’obiettivo di ogni organizzazione che crede nell’apporto di valore da parte delle persone.

Agile è un termine ampio interpretato in modo diverso a seconda delle esperienze personali.

“La consegna anticipata del valore” è fondamentale per parlare di business Agile.
Ogni  campagna marketing può essere suddivisa in parti più piccole da realizzare, in cui ogni componente:

  • – Crea valore
  • – Permette di risparmiare costi
  • – Aumenta i ricavi
  • – Delizia i tuoi clienti, i collaboratori, fornitori  e partner

Partendo da questo punto proviamo a capire come la cultura organizzativa influenza il modo in cui le persone fanno le cose.

Il punto di partenza di questo approccio consiste nell’imparare a prendere le distanze dal nostro ego, mettendo da parte l’innato bisogno di controllare le persone e gli eventi, e di riflesso le nostre vite.

Non bisogna avere paura dei tentativi e degli errori. Queste circostanze devono essere interpretate come delle opportunità  che ci vengono offerte per imparare e crescere.

Si tratta, pertanto, di una trasformazione sociale. Si abbandona un vecchio “ego-sistema” incentrato interamente sul benessere di se stessi, per arrivare ad un “eco-sistema” che si pone l’obiettivo di raggiungere il benessere del tutto.

I pilastri della sua teoria sono:

  • – auto-organizzazione/self-management, ossia un sistema basato su relazioni paritarie, senza dover necessariamente ricorrere né alla gerarchia né al consenso;
  • – pienezza, cioè portare sul lavoro tutto ciò che siamo, mettendo da parte le maschere che siamo soliti indossare;
  • – proposito evolutivo, cioè ascoltare e a capire l’organizzazione e ciò che essa vuole diventare e quale proposito vuole servire, evitando di voler in ogni modo controllare e prevedere il futuro, spesso senza ottenere i risultati sperati.

Una delle sfide concrete è la mancanza dell’imposizione di regole e procedure da parte delle funzioni centrali – i così detti C-Level – . Ma la conseguente libertà e responsabilità diffusa nell’organizzazione che porta le persone a prendere iniziative e ad avere voce in capitolo nel proprio lavoro.

In questa sfida, che è indubbiamente provocatoria  e che spesso ci è stata criticata durante le nostre attività di consulenza e formazione presenta però un’idea chiara:

le persone non devono adattarsi a lavori prestabiliti, ma vanno supportate per crearsi la propria posizione all’interno del team di lavoro, in base agli interessi e alle competenze personali, tenendo naturalmente conto dei bisogni  di crescita dell’azienda in cui si lavora.

Le etichette organizzative, infatti, non fanno altro che alimentare la smania di ego, portando i dipendenti ad identificarsi con esse, classificando i colleghi secondo i livelli gerarchici più che le qualità, passando attraverso processi di nomina e di promozione macchinosi e talvolta  basati più sul tempo di permanenza che sulle reali capacità e prospettive di crescita.

In conclusione quindi, se non ci sentiamo di fare rivoluzioni, almeno diventiamo agili. Tante aziende stanno seguendo questa idea, con progetti specifici o o partendo dalla formazione. Il risultato è sempre il raggiungimento di ciò che tutte cercano, il successo in un’era di cambiamento.

Potrebbe interessarti anche

Le 5 sfide da affrontare quando si parla di Agile Business
Le 5 sfide da affrontare quando si parla di Agile Business
Team Playbook: usa il gioco dei 5 whys
Team Playbook: usa il gioco dei 5 whys
abd18 come si intervista un cliente
Come si intervistano i clienti in modo efficace?
effetto-camaleonte-business-agile
L’effetto camaleonte nel business agile
health-monitor-grid
Cos’è e come funziona l’Health Monitor Grid
Nomi giusti per i ruoli in azienda
Nomi giusti per i ruoli in azienda

Lascia un commento