agile coach per team di marketing

Perché abbiamo bisogno di un Agile Coach?

L’Agile Coach: cos’è e cosa fa? Qual è il suo ruolo all’interno di un team o una organizzazione?

Un Agile Coach è molto più di un trainer, è un professionista esperto che abbraccia il ruolo di mentore. Migliora il team attraverso la condivisione delle conoscenze offrendo nuove prospettive, possibilità e intuizioni dalle sue precedenti esperienze. Sviluppando team agili e sostenendo una cultura organizzativa che abbraccia il cambiamento, un Agile Coach aiuta a spianare la strada per il successo della trasformazione Agile a lungo termine.

L’Agile Coach supporta le persone, i team e anche l’intera azienda per cercare l’eccellenza.

Fonte immagine: https://dandypeople.com/

La formazione e il coaching sono da tempo elementi cruciali della trasformazione Agile.

Un’adozione Agile di successo e sostenibile si basa sull’acquisizione di nuove conoscenze e sull’apprendere come applicarle in pratica. I team Agile hanno bisogno del giusto bilanciamento tra formazione e coaching.

Sebbene la maggior parte dei leader di marketing riconosca la differenza tra coaching e formazione, molti si affidano molto alla formazione e trascurano l’altra metà del percorso: il coaching.

Di conseguenza, molte organizzazioni che hanno posto l’accento solo sulla formazione si chiedono perché spesso non ottengono i risultati sperati dopo aver finito il percorso formativo.

Il mix di formazione-coaching all’interno della propria azienda è la chiave per rendere ogni viaggio Agile un successo.

Cosa fa un Agile Coach? 

Un Agile Coach ha il compito di incoraggiare il team, metterlo in grado di risolvere i problemi e coltivare la crescita individuale. Le sue responsabilità lavorative possono essere diverse, tra cui:

  •  Facilitare la conoscenza del processo Agile a tutti i membri del team all’inizio del progetto
  • Formare il team su ogni specifica fase del processo durante il ciclo di vita del progetto
  • Supportare la pianificazione del progetto
  • Identificare i rischi del progetto
  • Rispondere alle domande dei membri del team
  • Identificare e diagnosticare problemi di processo
  • Aiutare il Product Owner a promuovere il valore aziendale e mantenere la visione del progetto
  • Assistere i Product Owner nella scrittura di user story
  • Aiutare i Product Owner a prendere decisioni quotidiane per mantenere il progetto in movimento e consentire loro di collaborare con gli stakeholder aziendali per prendere decisioni più strategiche
  • Essere mentore per i Scrum Masters, che alla fine potrebbero diventare loro stessi coach
  • Supportare gli Scrum Master nella preparazione delle riunioni, incluse le fasi di pre-pianificazione, pianificazione, daily Scrum e revisione.
  • Istruire i manager sulle basi degli strumenti Agile, come Scrum e Kanban.
  • Aiutare i manager a navigare nel proprio ruolo in un ambiente dinamico attraverso i cambiamenti culturali che il progetto potrebbe introdurre
  • Coltivare una mentalità Agile in tutti i membri del team in cui i problemi sono abbracciati come gradite opportunità di adattamento

Differenze tra coaching e formazione

Sia il coaching che la formazione hanno un impatto significativo sul raggiungimento o meno della vera agilità del team di marketing.

Ma affrontano l’obiettivo da direzioni diverse e in realtà hanno un aspetto molto diverso:

  • La formazione riguarda il trasferimento di conoscenze per creare una comprensione condivisa tra un ampio gruppo di persone su un argomento comune.
  • Il coaching, d’altra parte, si concentra sul miglioramento delle conoscenze e sullo sviluppo di competenze in un’area in cui esistono già conoscenze di base.

Il Coaching e la Formazione vanno di pari passo; funzionano meglio se usati insieme.

Secondo il principio 70-20-10, la formazione formale rappresenta solo il 10% dell’apprendimento. Sebbene sia facile selezionarlo dall’elenco delle cose da fare, non sarà in grado di offrire il massimo impatto da solo senza il follow-up appropriato.

Lo stesso modello postula che il coaching, in quanto follow-up veloce dopo la formazione, rappresenti in realtà il doppio delle opportunità di apprendimento (20%), rispetto alla formazione.

Il principio 70-20-10

Elementi fondamentali del coaching

Uno dei framework di maggior successo per il team coaching è l’approccio OODA, un ciclo osservare-orientare-decidere-agire.

Il metodo OODA  - agile coaching

Originariamente sviluppato dallo stratega militare dell’esercito americano John R. Boyd, questo metodo massimizza l’impatto del coaching utilizzandolo per convalidare o invalidare le nostre ipotesi.

Seguendo questo modello il team può apprendere e agire nel seguente ciclo:

  • Osservare i flussi di lavoro, cerimonie, comunicazione di gruppo, processi decisionali ecc. per identificare le opportunità di miglioramento più impattanti.
  • Orientarsi raccogliendo informazioni per un maggiore orientamento per formulare un’ipotesi, che sarà convalidata/invalidata prima che il team si impegni e inizi a costruire un obiettivo.
  • Decidere un obiettivo pragmatico o un problema per agire di conseguenza e risolvere le sfide date dal contesto della squadra.
  • Agire in base ai dati accumulati nei passaggi precedenti e nei parametri di un piano documentale.

E, naturalmente, durante questo ciclo il team utilizza indicatori chiari e attuabili per raccogliere metriche dalle azioni precedenti.

L’importanza della preparazione dei leader

Il supporto necessario ai leader organizzativi per la trasformazione Agile può essere ricevuto solo dal coaching. Mentre la formazione viene erogata in massa, avere un coach esperto può aiutare a preparare i tuoi futuri leader Agile per i loro ruoli fondamentali nella trasformazione Agile.

Il supporto della leadership nel processo di trasformazione Agile è fondamentale; non lasciarla fuori dal tuo piano di coaching.

Agile coaching e il miglioramento continuo

Quando si tratta di Agile, il miglioramento continuo è la parola d’ordine.

Un approccio di coaching efficace valuterà la maturità Agile del tuo team e fornirà suggerimenti ricorrenti per migliorare le tue pratiche Agile.

La facilitazione di cerimonie

Una delle sfide post-coaching più significative tende a manifestarsi come una sfida per facilitare le cerimonie Agile in modo da mantenere il processo fluido. Un coach esperto può entrare a far parte del team per facilitare i daily stand up, le revisioni, le retrospettive e/o le sessioni di pianificazione.

Dopo che il coach ha modellato la mentalità e i comportamenti Agile per alcuni cicli, il team diventa più autonomo.

Dare priorità al coaching significa aumentare il ROI

Pochi reparti di marketing hanno una voce per il “coaching” nei loro budget, ma il suo impatto è stato ben documentato. Gli studi degli ultimi dieci anni riportano un ritorno sull’investimento (ROI) estremamente elevato dal coaching.

Statisticamente, le organizzazioni che investono nella sola formazione registrano un aumento della produttività del 22,4%. Ma, se combinato con il coaching, tale cifra sale all’88%, secondo Gerald Olivero, Denise Bane e Richard Kopelman nel loro articolo “Executive Coaching as a Transfer of Training Tool”.

Anche la rivista Fortune è d’accordo, fornendo una stima prudente del guadagno monetario del coaching secondo un campione di manager interrogati. Gli intervistati nel loro sondaggio descrivono un rendimento medio di oltre sei volte il costo del coaching.

Già nel 2001, i risultati di uno studio di Manchester, Inc. hanno dimostrato anche un ritorno sull’investimento di 7 volte dal coaching.

Se le statistiche supportano l’alto impatto del coaching, perché questa modalità di apprendimento non è più in cima nelle liste di priorità dei marketing manager?

Ci sono tre ragioni comuni.

Il coaching è spesso non strutturato

A differenza della formazione, il coaching sembra più disordinato.

Il coaching avviene “sul lavoro”, il che significa che è influenzato da situazioni che si verificano all’interno della squadra. La sua struttura quindi, deve essere più fluida, perché risponde costantemente alle circostanze mutevoli.

Per i leader, questa ambiguità può essere scoraggiante. Ma se riescono a superare la loro incertezza, possono ottenere un ROI importante sull’investimento.

La mancanza della cultura del coaching: cosa comporta?

Molte organizzazioni sono più abituate al modello di apprendimento guidato da formatori che è al centro della formazione. Il coaching prevede invece un approccio guidato dallo studente.

Per questo motivo, molti manager trascurano i potenziali benefici del coaching. Ma quando invece lo fanno, ottengono vantaggi straordinari come un maggiore coinvolgimento dei dipendenti, una maggiore motivazione e migliori prestazioni aziendali che derivano dall’assunzione di un coach sul posto di lavoro.

Portare un coach nella tua squadra ha il potenziale per supportare i membri del tuo team e guidarli verso la competenza in un modo più sano e sostenibile.

Assegnare delle risorse anche al coaching, non solo alla formazione

Mettere da parte la quantità appropriata di risorse per il coaching prima dell’inizio della formazione richiede una certa lungimiranza. Considera il tuo budget per l’istruzione nel suo insieme, quindi, come livello aggiuntivo, valuta i modi migliori per bilanciarlo per coprire il percorso completo di formazione-coaching.

Gestire le risorse di formazione e sviluppo, che spesso rappresentano il 2-5% del budget salariale di un’azienda, significherà creare un piano che includa il coaching e non solo la formazione. Cerca un partner che condivida la tua stessa filosofia sull’importanza di mantenere lo slancio dell’apprendimento dopo la fine della formazione.

Coaching + Allenamento = Trasformazione Agile di successo

Sia la formazione che gli approcci di apprendimento del coaching rappresentano parti essenziali del successo del Marketing Agile. Si completano efficacemente a vicenda.

In primo luogo, la formazione pone una solida base di comprensione condivisa tra i membri del team all’interno dell’organizzazione. Il coaching garantisce la conservazione e l’applicazione appropriata della teoria.

L’uno senza l’altro nasconde molti rischi di fallimento che i leader di marketing non dovrebbero sottovalutare.

Trascurando il coaching, o la necessità di equilibrio nella formazione/coaching, significa perdere molte opportunità e rischiare che i costosi investimenti in formazione perdano slancio senza un coaching successivo.

I coach arrivano in azienda per sviluppare alti potenziali, facilitare le transizioni, agire come cassa di risonanza.

Harvard Business Review

Nei primi mesi cruciali della tua ascesa verso la vera agilità di marketing, i tuoi team avranno bisogno esattamente di questo tipo di supporto per assicurarsi che ciò che hanno appreso durante la formazione lo trasformino effettivamente nella loro realtà quotidiana.

Leggi anche: Come diventare Agile Coach e Scrum Master

Deborah Ghisolfi

View posts by Deborah Ghisolfi
ICAgile Authorized Instructor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top