Puntualissimo si alza il sipario sul debutto del nostro Team Building a Teatro.

Orfeo nel suo costume scintillante è disperato per la morte di Euridice e lo Stregone Mescal sogghigna con superiorità.

L’emozione vibra in sala. Fantastico!

Sono soddisfatta, sono tutti impeccabili.

Poi la custode del teatro mi sussurra: “Ma che compagnia siete? Non vi conosco.”

Non siamo una compagnia, sono colleghi. Sono qui per una giornata di Team Building a Teatro. Per imparare a fare squadra, a fidarsi l’uno dell’altro. E direi che ci sono riusciti!

Ad aiutarli ci sono io, Emanuela Spernazzati, formatrice e consulente aziendale in ambito HR e Comunicazione, e Beppe Arena, regista e attore di teatro e di cinema.

Ma cosa c’entra il teatro con il lavorare bene in azienda?

Apparentemente niente, eppure…

Il teatro è metafora perfetta dell’azienda che funziona

Tutti concentrati su un obiettivo chiaro e condiviso, ognuno con un ruolo, nessun ritardo ammesso (il sipario si aprirà comunque!) e tutti interdipendenti, perché il successo di ciascuno è il successo di tutti e l’errore di uno è errore per tutti.

Anche in azienda dovrebbe essere così.

Ma qui è più facile, qui ci si può allenare su un terreno extralavorativo. E ci si diverte pure.

Chiedo ai partecipanti come sono riusciti, a loro parere, a mettere in scena uno spettacolo in un giorno. Mi rispondono cose come: ‘eravamo entusiasti del compito’, ‘abbiamo fatto squadra’, ‘ci siamo suddivisi i ruoli in base alle esperienze ed alla capacità’, ‘volevamo farcela e non abbiamo pensato ad altro’.

Eppure all’inizio avevo notato un po’ di titubanza e anche durante le prove non sono mancati momenti di tensione.

Allora come hanno fatto?

Lo spiego nel debriefing finale: per lavorare insieme abbiamo bisogno di conoscere e condividere un obiettivo, di accettare e rispettare i ruoli, di concentrarci sul compito fidandoci dell’altro e senza disperdere energie in giochi di potere, di sentirci importanti e riconosciuti… insomma, di sentirci parte del progetto a cui lavoriamo.

Ecco il senso del team building: che sia teatro o gioco, che sia all’aperto o al chiuso, che sia sport o arte costringe a creare legami, a costruire un rapporto di fiducia, a mettersi in gioco, a riconoscere il valore di ciascuno e a lavorare a testa bassa fino alla realizzazione dell’obiettivo finale.

Insomma, a costruire un team vincente!

Ora che i legami sono stati creati la sfida è quella di portare in azienda l’entusiasmo mostrato sul palco.

Ed è una sfida per tutti, capi e non capi.

La nuova era è già qui, quella in cui la motivazione delle persone non risiede solamente nella retribuzione (che è data per scontata) ma nel piacere, nell’orgoglio e nella soddisfazione di svolgere un lavoro che fa sentire parte di un progetto più grande.

be relevant Deborah Ghisolfi

Scopri di più su Emanuela

Leggi cosa scrive e scopri come ti può aiutare a far crescere te e i tuoi collaboratori

Aiuto le aziende e i loro dipendenti a crescere insieme
emanuela spernazzati
Emanuela Spernazzati
Formatrice/Consulente area Risorse Umane e Comunicazione




[pt_view id=”de097c842a”]

Potrebbe interessarti anche

Agile Business Day: il caso della Product Discovery Strategy
Agile business day: il caso Product Discovery Strategy
framework DACI per prendere decisioni efficaci agile marketing
Come prendere decisioni migliori con il framework DACI
agile_marketing_team_playbook
Team Playbook: nuovi metodi per un’azienda smart

Lascia un commento